lovato costruzioni & restauri

Bonifico "parlante": cos'è, come si compila, i rimedi in caso d'errore.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on whatsapp
Share on print

Si parla di “bonifico parlante” per riferirsi all’unico strumento di pagamento idoneo ad accedere alle detrazioni fiscali, per i lavori in casa di ristrutturazione e/o riqualificazione. Si potrà eseguire sia forma cartacea, presso gli sportelli bancari e postali, che in modalità online.

La sua specificità si riscontra nel contenuto delle informazioni che, se non riportate correttamente, potrebbero compromettere la corretta fruizione dei bonus fiscali. Quali dunque gli elementi essenziali?

  • Causale del bonifico.
    Qui andrà riportato il riferimento normativo di legge a cui afferiscono i lavori di detrazione ( solitamente già trascritto negli appositi modelli postali e bancari);
    articolo 16-bis del DPR del 22 Dicembre 1986, n.917, nel caso di una ristrutturazione edilizia, e la Legge n.296 del 27 dicembre 2006 per l’Ecobonus. Si consiglia inoltre di specificare gli estremi della fattura dell’impresa esecutrice dei lavori, così da “creare un collegamento” unitario tra la stessa ed il bonifico.
  • Codice fiscale del richiedente.
    Unica nota d’ attenzione: per lavori su immobili in comproprietà, si dovrà inserire nome, cognome e codice fiscale di tutti i proprietari. Nei casi d’intervento su parti comuni condominiali, bisognerà inserire anche il codice fiscale del condominio e dell’amministratore o dell’inquilino che effettua il pagamento.
  • P. Iva o C.F. dell’impresa esecutrice dei lavori

In mancanza dei requisiti di cui sopra, il contribuente perderà definitivamente la possibilità di accedere alla detrazione.
Sarà possibile sanare la propria posizione, nei casi di errata compilazione e/o incompletezza dei dati, ripresentando un nuovo bonifico all’impresa o facendosi rilasciare da questa, una dichiarazione di atto notorio che attesti “
che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati correttamente contabilizzati ai fini della loro imputazione nella determinazione del redditi” (circolare n. 43/2016 – Agenzia delle Entrat

Subscribe
Resta aggiornato sulle ultime notizie.

Share on linkedin
Share on email